Menu
17 febbraio 2008
NEWS
Home

L'Associazione

IL MUSEO
Uomini e pietre
Eventi
La Bottega dello Scalpellino
Comunicati Stampa 2007
Comunicati Stampa 2008
28 gennaio 2008
03 febbraio 2008
14 febbraio 2008
17 febbraio 2008
09 marzo 2008
17 marzo 2008
31 marzo 2008
11 aprile 2008
17 aprile 2008
16 maggio 2008
26 maggio 2008
02 giugno 2008
14 giugno 2008
29 giugno 2008
13 luglio 2008
27 luglio 2008
10 agosto 2008
14 settembre 2008
15 dicembre 2008
28 dicembre 2008
Comunicati Stampa 2009
Comunicati Stampa 2010
Comunicati Stampa 2011
Comunicati Stampa 2012
Comunicati Stampa 2014
Comunicati Stampa 2018
Contatti e indicazioni stradali
Link
Ringraziamenti
Attività
Motore di Ricerca
Cerca
Seguici su Facebook
 

“Costruire” promuove gli scalpellini di Castellavazzo

Museo aperto sabato e domenica

 

Grazie alla rinnovata disponibilità di Longarone Fiere S.r.l. anche quest’anno l’Associazione Pietra e Scalpellini avrà modo di promuovere il proprio operato alla rassegna Costruire, che si terrà a Longarone dal 21 al 24 febbraio.

Tra gli ultimi ritrovati dell’edilizia ci sarà quindi anche lo stand del sodalizio di Castellavazzo, il quale dal 1996 si occupa della riscoperta e della valorizzazione delle tematiche inerenti l’estrazione e la lavorazione della pietra.

La Pietra di Castellavazzo è uno dei materiali da costruzione più conosciuti e pregiati della Provincia di Belluno, tanto che ne risultano composte le più apprezzate realizzazioni architettoniche quali il campanile del Duomo di Belluno, il santuario del Nevegal, il sacrario di Pocol e tante altre.

Il suo utilizzo è documentato fin dall’epoca romana grazie alla stele attualmente conservata presso l’Antiqurium del municipio, che attesta la donazione in segno di riconoscenza ai pagani Laebactes di un “horilogium cum sedibus”, sostanzialmente una sala per assemblee dotata di un dispositivo per la misura del tempo.

Estratta ancor oggi a monte del paese, nella cava di Marsor, questa pietra si presenta nella tonalità grigia e rossa, ed il suo mercato non conosce confini, tanto che la si trova ad esempio nelle ville della Costa Azzurra come sulle navi da crociera che vengono varate nei cantieri veneziani.

Lo stand allestito in questi giorni, situato in posizione baricentrica nel plesso fieristico di Longarone, presenterà alcuni mascheroni realizzati presso la Bottega dello Scalpellino, struttura organica al museo nella quale si realizzano manufatti con metodologie e attrezzature di un tempo.

Al fine di proporre un’offerta completa, nelle giornate di sabato 23 e domenica 24 febbraio sarà possibile visitare il Museo della Pietra e degli Scalpellini, nelle fasce orarie 10.00-12.00 e 14.00-18.00, con visite guidate condotte da personale volontario.

Secondo Gian Luca David, neo responsabile della ricerca e divulgazione dell’associazione << con questa partecipazione ci è permessa la valorizzazione del territorio che avrà immediate ricadute, il tutto amplificato dalla caratura delle manifestazioni di Longarone Fiere, cui va il nostro plauso e ringraziamento >>.

Dopo questo primo contatto sarà possibile rincontrare gli scalpellini anche ad Expoque, in programma nei giorni 17-18 maggio dove, se le condizioni tecniche lo permetteranno, sarà allestito uno stand che vedrà gli scalpellini al lavoro.

Maggiori informazioni sull’operato dell’associazione o sul museo possono essere ricavate dal sito internet www.pietraescalpellini.it.

 


Mostra di immagini d’ epoca, l’ abbigliamento popolare bellunese collezione Giulio Mazzucco
Inaugurazione sabato 17.11.2018 h. 17:00
La mostra sarà visitabile nei giorni di apertura del Museo: sabato e domenica dalle 14.00 alle 18.00





 
powered by Linea58 Smart Edition