Menu
 DALLE DOLOMITI A VENEZIA (E VICEVERSA)MIGRAZIONI D'AUTORE
NEWS
Home

L'Associazione

IL MUSEO
Uomini e pietre
Eventi
Giornata Ecologica
Via dei Fiori
Davestra
Festa Montagna 06
expo.bottega
05 maggio 2007
Carla Bettio espone
Emigranti 2007
Percorso Gardona
Via della Chiesa
Progetto G511
Castel San Niccolò
Farra d'Alpago
Monselice
Sospirolo
Circolo Elisa di Santa Giustina
Circolo Elisa di Santa Giustina
 DALLE DOLOMITI A VENEZIA (E VICEVERSA)MIGRAZIONI D'AUTORE
RICOSTRUIRE 2018
RIAPERTURA MUSEO
MONTAGNA IN TRANSIZIONE
La Bottega dello Scalpellino
Comunicati Stampa 2007
Comunicati Stampa 2008
Comunicati Stampa 2009
Comunicati Stampa 2010
Comunicati Stampa 2011
Comunicati Stampa 2012
Comunicati Stampa 2014
Comunicati Stampa 2018
Contatti e indicazioni stradali
Link
Ringraziamenti
Attività
Motore di Ricerca
Cerca
Seguici su Facebook
 

Sull'edificio posto all’inizio della rampa che sale all’arcipretale di Castellavazzo, campeggia una nuova tabella in pietra recante l’indicazione di Via della Chiesa, posizionata ad opera di alcuni volontari della locale Associazione Pietra e Scalpellini.

Il nuovo manufatto, realizzato con il materiale estratto dalle cave situate a monte del paese, è stato pazientemente prodotto in circa 120 ore lavorative da Giorgio Zoldan, uno degli operatori della Bottega dello Scalpellino, laboratorio organico al Museo della Pietra e degli Scalpellini.

La “Bottega”, oltre che seguire i giovani nell’apprendimento dell’arte di lavorare la pietra, permette all’Associazione di contribuire in maniera concreta e del tutto volontaria all’abbellimento ed alla caratterizzazione del paese.

Zoldan va fiero di questa sua opera donata al paese, e tiene a precisare che le lavorazioni sono state eseguite completamente a mano, senza alcun ausilio elettrico o pneumatico, ricalcando fedelmente l’operato di generazioni di scalpellini che in questi luoghi hanno lavorato per secoli.

La lavorazione del marmo di Castellavazzo, essendo lo stesso composto da più stratificazioni sovrapposte, prevede un elevato grado di abilità che viene acquisita in anni di esperienza, che deve contemplare un’accurata scelta del blocco fin dalle fasi di estrazione in cava.

La targa presenta l’indicazione toponomastica eseguita in un bel carattere corsivo con fattezze antiche, accompagnata dalla rappresentazione della cuspide del campanile, dalla caratteristica forma “a cipolla”.

Quest’ultima, assieme alla fontana ottagonale ancora attiva nella piazza del paese, costituisce uno degli elementi caratterizzanti che ricordano l’abilità degli scalpellini locali, la cui fama è stata apprezzata in tutto il mondo.

La lucidatura fa risaltare le venature naturali della Pietra di Castellavazzo che contrastano con lo sfondo abilmente segnato con lo scalpello, dando vita ad un ricercato e complesso effetto tridimensionale.

Con quest’ultima realizzazione, che può essere a pieno titolo annoverata tra le opere d’arte, prosegue il progetto del sodalizio per dotare la parte storica del paese di nuove tabelle con le diciture delle vie, valorizzando il contesto architettonico già ricco di elementi lapidei.


Giorgio Zoldan all'opera mentre sta incidendo la lastra in pietra di Castellavazzo. 


Vista la complessità e la delicatezza dell'opera Giorgio sta procedendo con la massima attenzione.

Si lavora sul muro dell'edificio per predisporre l'alloggiamento della targa.


Ecco il manufatto che per la prima volta viene collocato nel sua posizione definitiva.

Il soggetto di tanta fatica.

Dopo due anni di assenza, L'Associazione Pietra e Scalpellini di Castellavazzo torna a Santa Giustina per l'annuale Mostra mercato delle attività agricole, artigianali e commerciali. Saremo presenti con un nostro stand proponendo la lavorazione della pietra di Castellavazzo con metodi tradizionali e tutte le informazioni sulla nuova sede museale.

Mostra di bassorilievi di Giorgio Zoldan


 
powered by Linea58 Smart Edition